Come e con quale frequenza lavare la biancheria da letto

La maggior parte delle persone non si sente a proprio agio a indossare lo stesso vestito per due giorni di fila, ma gli stessi individui possono usare lo stesso lenzuolo o la stessa federa per settimane.

Quando dormiamo, ci liberiamo delle cellule epiteliali morte, sudiamo e sbaviamo. Tutto questo si combina per creare l’ambiente perfetto per una serie di elementi indesiderati. Gli acari della polvere prosperano nelle lenzuola, così come i batteri e i funghi – compresa la muffa. Se ti svegli con prurito, se hai problemi di acne o asma, se hai la tigna o il MRSA, o se ti ritrovi ad avere costantemente il raffreddore, uno qualsiasi o tutti questi sintomi potrebbero essere il risultato di un sonno su lenzuola sporche.

Ma non preoccuparti. È facile eliminare dalla tua vita il problema della sindrome del letto malato Tutto quello che devi fare è imparare come e con quale frequenza lavare le tue lenzuola.

Come lavare le lenzuola

Il primo passo quando si pulisce qualcosa è di leggere attentamente le raccomandazioni del produttore per essere sicuri di comprendere e rispettare i requisiti di pulizia specifici dell’articolo. Poiché l’acqua calda uccide la maggior parte dei germi e degli acari della polvere, è meglio lavare le lenzuola utilizzando l’impostazione di temperatura dell’acqua più calda indicata sull’etichetta di manutenzione del prodotto. Ad esempio, potrebbe essere opportuno lavare le lenzuola di cotone con l’impostazione più calda, ma le miscele di poliestere possono tollerare solo l’acqua calda.

Proprio come i vestiti, le lenzuola devono essere separate dal colore in modo che i rossi e i colori più scuri non sanguinano e non rovinano gli articoli di colore più chiaro. Le lenzuola richiedono molto spazio per essere completamente pulite, quindi lavatele separatamente e non sovraccaricare la lavatrice. Inoltre, fai attenzione a non avvolgere le lenzuola intorno all’agitatore durante il carico, perché questo può causare pieghe (nel migliore dei casi) e può effettivamente causare strappi (nel peggiore dei casi).

Se si dispone di uno stendibiancheria da esterno e il tempo è adatto, la luce del sole può aiutare a disinfettare mentre rende più luminosi i bianchi. Stirare le lenzuola è un’ulteriore protezione che può aiutare ad eliminare i germi o gli acari della polvere che sono sopravvissuti al lavaggio e all’asciugatura.

Con quale frequenza lavare le lenzuola

Per mantenere le lenzuola il più pulite possibile, si consiglia di lavarle una volta alla settimana. Se questo non rientra nel tuo programma, puoi spingerlo a due volte al mese. L’eccezione a questa regola generale è lavare le lenzuola immediatamente subito dopo la guarigione di un malato.

Come lavare le federe

Come per le lenzuola, l’etichetta di cura del produttore prevale su tutte le raccomandazioni generali di pulizia, per cui si consiglia di consultare sempre prima le istruzioni specifiche.

Poiché il viso viene appoggiato direttamente su un cuscino, è soggetto a sudore, saliva, creme per il viso, trucco e prodotti per la cura dei capelli. In alcuni casi, può essere una buona idea fare un trattamento di prelavaggio delle federe. Per iniziare, poni la federa su un’area protetta e aggiungi un po’ di detersivo liquido per il bucato direttamente su eventuali macchie evidenti – le macchie più ostinate possono richiedere uno sgrassatore. Strofina il detersivo e lascialo riposare per cinque minuti. In alternativa, puoi creare una soluzione detergente naturale e più delicata in un secchio e lasciare le federe in ammollo per diverse ore prima del lavaggio.

È importante lavare le federe separatamente, poiché gettarle con gli asciugamani può creare problemi di pelucchi indesiderati. Utilizzare l’impostazione più calda raccomandata dal produttore e far passare le federe attraverso un ciclo di pulizia, magari con un risciacquo supplementare. È possibile appendere le federe su una linea esterna, se possibile, o asciugarle. Se hai intenzione di stirare, rimuovi le federe dal filo o dall’asciugatrice prima che siano completamente asciutte – stirale mentre sono leggermente umide può rendere il compito più facile.

Con quale frequenza lavare le federe

Poiché le federe vengono a diretto contatto con il viso e sono più piccole e più facili da lavare rispetto alle lenzuola, si consiglia di lavare questi articoli con la stessa frequenza di tutti gli altri giorni. Se non si riscontrano problemi, come eruzioni cutanee, acne, prurito o altri disagi, si può prendere in considerazione la possibilità di lavarle due volte a settimana. Anche se non si verificano i suddetti problemi di salute, il periodo più lungo che si dovrebbe trascorrere senza lavare le federe è una settimana.

Come lavare un piumino

Prima di lavare il piumino, controlla che non debba essere lavato a secco. Inoltre, leggi attentamente le raccomandazioni del produttore poiché alcuni piumini possono essere danneggiati da candeggina, sbiancante o ammorbidente.

Se trovi una macchia sporca sul tuo piumino, di solito è meglio occuparsene a mano, immediatamente. Togli il coperchio dall’imbottitura, mescola qualche goccia di detersivo delicato in una tazza e usalo per eliminare la macchia. Tenendo il coperchio lontano dall’imbottitura, sciacqualo, poi asciugalo con l’asciugacapelli.

Quando devi mettere il piumino in lavatrice, piegalo a metà e mettilo in lavatrice in modo che il suo peso sia distribuito uniformemente. Utilizza un detergente liquido delicato e imposta la macchina su un ciclo delicato con acqua calda. Potrebbe essere necessario sottoporre il piumone a due o tre cicli di risciacquo aggiuntivi per una pulizia adeguata.

Quando si asciuga, utilizza un riscaldamento a basso calore. Anche se il copripiumino può essere stirato, in genere non è raccomandato.

Con quale frequenza lavare il piumino

Se ti prendi cura del tuo piumone, usando una protezione speciale e una pulizia accurata, dovrai pulirlo solo una volta ogni quattro o cinque anni. Il copripiumino, invece, deve essere pulito una volta al mese o due in modo simile a come si puliscono le lenzuola.

Come lavare un piumone

Un piumone è simile a un piumino, ma è un pezzo trapuntato. Quando si pulisce, alcuni ritengono che sia meglio farlo lavare professionalmente in una lavatrice professionale, di dimensioni industriali, che non danneggi la biancheria da letto. Se invece hai una lavatrice a grandezza naturale o non ti dispiace andare in lavanderia, pulisci il tuo piumone con acqua fredda (per ridurre il restringimento) e un detergente delicato senza additivi. In alternativa, alcuni preferiscono lavare il piumone a mano in una vasca da bagno con acqua fredda e detersivo delicato. Anche se questo metodo richiede molto tempo, potrebbe essere l’opzione migliore per alcune famiglie. Naturalmente, in caso di differenze, si consiglia di attenersi sempre alla cura suggerita dal produttore.

Quando si asciuga, sii paziente, perché potrebbero essere necessari diversi cicli di asciugatura.

Con quale frequenza lavare il tuo piumone

Poiché un piumone non viene a diretto contatto con la pelle, non ha bisogno di essere lavato con la stessa frequenza di altre lenzuola. A meno che non possiedi animali domestici, non mangi a letto o non hai una perdita, un piumone deve essere lavato solo due volte all’anno.