Spirometria: cos’è e come si fa un esame spirometrico

“La spirometria non riesco a farla! Ho difficoltà”

Quante volte hai sentito una frase del genere, vero? Una frase comune a molte persone che si sottopongono all’esame spirometrico senza riuscire a portarlo a termine. In questo articolo descriveremo in modo chiaro e semplice questa tipologia di esame analizzando tutti gli aspetti caratteristici.

Che cos’è la spirometria?

La spirometria è lo studio per la valutazione dei volumi aerei che un soggetto riesce a mobilizzare, in parole più semplici, la quantità di aria che un polmone riesce a far entrare, a far uscire e contenere.

Quindi, la spirometria è un test standard non invasivo utilizzato dai medici per misurare il funzionamento dei polmoni. Il test consiste nel misurare il flusso d’aria all’interno e all’esterno dei polmoni.

La procedura per fare un test spirometrico è molto semplice. Ti siedi e respiri in una piccola macchina chiamata spirometro. Questo dispositivo medico misura la quantità di aria che puoi inspirare, espirare e anche la velocità del tuo respiro.

In altre parole, lo spirometro misura e testa la capacità polmonare.

Gli spirometri sono utilizzati per una varietà di test respiratori e polmonari, e sono essenziali per diagnosticare queste condizioni:

  • BPCO (broncopneumopatia cronica ostruttiva);
  • Asma;
  • Malattia polmonare ostruttiva, restrittiva o cronica;
  • Resistenza delle vie aeree;
  • Funzione polmonare.

Inoltre, consentono al tuo medico di monitorare le condizioni polmonari croniche per verificare che il tuo attuale trattamento stia migliorando la respirazione oppure no.

Spirometria semplice e globale

La spirometria globale non è un esame invasivo ed è di breve durata. A differenzia della spirometria semplice, questo tipo di spirometria consente di misurare la quantità totale di aria che è contenuta nella gabbia toracica – i volumi polmonari statici di un soggetto.

I volumi vengono misurati:

  • volume residuo (RV) – il volume di aria che rimane nei polmoni al termine di un’espirazione massimale;
  • capacità polmonare totale (TLC) – il volume di aria totale che può essere contenuto nei polmoni al termine di un’espirazione massimale.

Come prepararsi a un esame spirometrico?

esame-spirometrico

Lascia che ti spieghi.

Per sottoporsi all’esame della spirometria non è obbligatoria nessuna preparazione particolare. Vediamo ora come preparasi al meglio al test e nello specifico cosa evitare:

  • Evita di fumare un’ora prima dell’esame;
  • Non bere alcol per qualche giorno;
  • Mangiare troppo cibo potrebbe influire sulla capacità respiratoria;
  • Indossare indumenti molto stretti(potrebbe limitare la tua respirazione.
  • Evita di usare farmaci prima del test.

Valori normali della spirometria e come leggere i risultati del test

I risultati normali di un test spirometrico variano da persona a persona. Si basano sull’età, l’altezza, la razza e il sesso. Il tuo medico calcola il valore normale previsto per te prima che tu faccia il test.

Una volta che hai fatto il test, guardano il tuo punteggio del test e confrontano quel valore con quello previsto. Il tuo risultato è considerato normale se il tuo punteggio è pari o superiore all’80% del valore previsto

Puoi farti un’idea generale del tuo valore normale previsto con una calcolatrice spirometrica.

La spirometria misura due fattori chiave: la capacità vitale forzata espiratoria (FVC) e il volume espiratorio forzato in un secondo (FEV1). Il tuo medico li considera anche come un numero combinato noto come rapporto FEV1/FVC.

Se hai ostruito le vie aeree, la quantità d’aria che sei in grado di espellere rapidamente dai tuoi polmoni sarà ridotta. Questo si traduce in un rapporto FEV1 e FEV1/FVC più basso.

Misurazione FVC


Una delle misurazioni spirometriche primarie è la FVC, che è la maggiore quantità totale di aria che si può respirare con forza dopo aver inspirato il più profondamente possibile. Se la FVC è inferiore al normale, qualcosa limita la respirazione

I risultati normali o anormali sono valutati in modo diverso tra adulti e bambini:

Per i bambini dai 5 ai 18 anni:

Percentuale del valore di FVC previstoRisultato
80% o piùnormale
meno dell’80%anormale

Per gli adulti:

FVCRisultato
è maggiore o uguale al limite inferiore della normalenormale
è inferiore al limite inferiore del normaleanormale

Un FVC anormale potrebbe essere dovuto a una malattia polmonare restrittiva o ostrutiva, e altri tipi di misurazioni spirometriche sono necessari per determinare quale tipo di malattia polmonare è presente. Una malattia polmonare ostruttiva o restrittiva potrebbe essere presente di per sé, ma è possibile avere una miscela di questi due tipi allo stesso tempo.

Misura FEV1

La seconda misura spirometrica chiave è il volume espiratorio forzato (FEV1). Questa è la quantità d’aria che si può forzare fuori dai polmoni in un secondo. Può aiutare il tuo medico a valutare la gravità dei tuoi problemi respiratori. Una lettura FEV1 inferiore al normale mostra che potresti avere un’ostruzione respiratoria significativa.

Percentuale del valore FEV1 previstoRisultato
80% o piùnormale
70%-79% leggermenteanormale
60%-69% moderatamenteanormale
50%-59% da moderato a gravementeanormale
35%-49% gravementeanormale
Meno del 35% molto gravementeanormale

Rapporto FEV1/FVC

I medici spesso analizzano il FVC e il FEV1 separatamente e poi calcolano il rapporto FEV1/FVC. Il rapporto FEV1/FVC è un numero che rappresenta la percentuale della capacità polmonare che si è in grado di espirare in un secondo.

Più alta è la percentuale derivata dal vostro rapporto FEV1/FVC, in assenza di malattie polmonari restrittive che causano un rapporto FEV1/FVC normale o elevato, più i tuoi polmoni sono sani.

Un rapporto basso suggerisce che qualcosa sta bloccando le tue vie aeree:

EtàBasso rapporto FEV1/FVC
Da 5 a 18 annimeno dell’85%
adultimeno del 70%

Spirometria: Come si fa?

Possiamo suddividerlo in due tipi di esame: ambulatoriale e casalingo. Vediamoli insieme:

Esame ambulatoriale

Il test spirometrico, il più delle volte, avviene nello studio del medico e ha una durata 15 minuti circa. Ecco in 3 step cosa avviene durante la procedura di spirometria:

  1. Sarai seduto su una sedia nello studio del tuo medico. Quest’ultimo andrà a posizionare: una clip sul tuo naso (per mantenere le narici chiuse) e una maschera respiratoria intorno alla bocca.
  2. Successivamente il medico ti istruirà a fare: un bel respiro profondo, a trattenere il respiro per alcuni secondi e successivamente a inspirare più che puoi nella maschera respiratoria.
  3. Andrai a ripetere questo test almeno tre volte per assicurarti che i tuoi risultati siano uniformi. Il medico o l’infermiere, in caso di profonde variazioni nei risultati, potrebbero far ripetere il test più volte.

Se hai un disturbo respiratorio, il medico potrebbe somministrarti un farmaco inalatorio noto come broncodilatatore. Questi farmaci producono un rilassamento dei polmoni, facilitando il respiro.

Dopo 15 minuti dall’assunzione del farmaco, il medico ti chiederà di eseguire un ulteriore serie di misurazioni.

In seguito, confronterà i risultati delle due misurazioni per vedere se il farmaco ha contribuito ad aumentare il flusso d’aria.

Esame casalingo

Capita spesso di avere la necessità di monitorare con maggiore frequenza alcuni parametri polmonari, anche su consiglio dello stesso medico, come il flusso di picco respiratorio e/o il FEV1 (o VEMS, Volume Espiratorio Massimo nel I secondo) per valutare il grado di pervietà della vie aeree.

In questi casi può essere utile acquistare, un semplice spirometro portatile per monitorare con maggiore frequenza e comodamente da casa eventuali anomalie respiratorie.

Molti di questi spirometri si connettono anche con delle APP su smartphone e consentono di tenere un diario su cui annotare i risultati di ogni test, vedere i trend dei risultati e condividere in tempo reale i risultati del tuo test (tramite mail, whatsapp, sms).

1. Gima 33445 Esercitatore Respiratorio Tri-Ball

Migliore Scelta
9.9
Scopri Offerta

La riabilitazione respiratoria in seguito

Manuale d'uso: inglese, francese, tedesco, italiano, spagnolo

1 pz

Scopri migliori spirometri medici



2. Microlife PF 100 Asma Monitor

Valutato su ticonfronto.it
9.9
Scopri Offerta

Peak Flow Pack di 1

Scopri migliori spirometri medici



3. 3 Ball Spirometer - Esercitatore respiratorio / spirometro incentivante con 3 palline

Valutato su ticonfronto.it
9.8
Scopri Offerta

Esercitatore con 3 palline.

Plastica di alta qualità resistente agli urti.

Suddiviso in 3 stadi di flusso di inspirazione da 600 a 1.200 cc/s.

Aiuta a ottenere una capacità polmonare ottimale, per un benessere respiratorio globale.

Utilizzare lo spirometro incentivante con palline attraverso un'inspirazione lenta e precisa.

Scopri migliori spirometri medici



4. SPIROMETRO SP-10

Valutato su ticonfronto.it
9.7
Scopri Offerta

Misurazione Bar sono: forzata Vital capacità (FVC), forzata exspiration volume/secondo (fev1), Rapporto tra fev1 e FVC (fev1%), punta exspiratorischer fiume (PEF), 25% del flusso (FVC fef25), 75% del flusso (FVC fefe75) e flusso medio tra 25% e 75% della FVC (fef2575). Inoltre può essere anche tramite del rapporto tra gemessenem valore e valore erwartetem lo stato delle test persona.

Diagramma display per tempo di volume e volume flusso dati possono essere salvate, cancellati, caricate e revisione.Con diagramma Trend graduazione (calibrazione) indica se volume o fiume i limiti uebersteigtautomatische spegnimento a 1 min inaktivitaetwieder batteria ricaricabile agli ioni di litio; include ladekabe lbatterieb solare display

Scopri migliori spirometri medici



Selezionati per voi su eBay

Ogni quanto va eseguito l’esame spirometrico?

In genere un esame spirometrico viene eseguito una volta all’anno. Una volta ogni due anni, invece, per monitorare i cambiamenti della respirazione nelle persone con asma o BPCO.

Test più frequenti vengono consigliati a persone con problemi respiratori più gravi.

Spirometri portatili

Gli spirometri portatili sono apprecchi studiati per l’uso domiciliare e clinico.

Questi strumenti consentono un’analisi completa della funzionalità respiratoria, includono una vasta gamma di parametri selezionabili e negli strumenti più evoluti viene è una interpretazione del test spirometrico.

Inoltre, si integrano con applicativi software (via usb o wireless) per permettere all’utente di visualizzare curve di flusso/volume e volume/tempo con la possibilità di effettuare confronti.

Misuratori di flusso di picco respiratorio

Il misuratore di picco di flusso è un apparecchio di piccole dimensioni e semplice da utilizzare. E’ uno strumento molto importante per avere una prima valutazione di una possibile ostruzione del flusso aereo. Si consiglia di misurare il flusso di picco respiratorio regolarmente ed ogni volta ci si senta mancare il respiro.

Elemento aggiunto al carrello.
0 items -  0,00